DDC GARA 1 Misano

 

Protwins:
nella gara delle special a due valvole quest’anno schieriamo ben due piloti con le splendide NCR Millona.
Al nostro collaudato Presidente  - Fabrizio Tinti – si è aggiunto il coriaceo Fulvio Rizzi a tutti noto come il Fulmine di Gorle   anche se Alzano rivendica la paternità..
Tinti per motivi lavorativi diserta le libere ma si conferma motivato  nel primo turno di ufficiali  quando benché appena salito in sella stacca il nono tempo.
Rizzi dimostra di gradire moto e circuito e si colloca al dodicesimo posto .
Il secondo turno non presenta particolari cambi nelle posizioni eccetto che per il Fulmine di Gorle che si porta in undicesima  piazza.
Domenica il tempo è capriccioso e piloti e meccanici hanno un bel da fare a montare e smontare i cerchi  mentre gli sguardi sono rivolti al cielo oppure consultano i siti meteorologici più accreditati.
A pochi minuti dal via le nuvole si scaricano bagnando generosamente il tracciato.
Wet-race : gomme rain per tutti  in una gara che vede avvantaggiati i manubri alti delle HyperMotard . I nostri alfieri cercano di trovare il ritmo giusto.
Tinti fa un giro prudente e poi comincia a forzare  passando Chiavazza  e Pertile per poi arrivare alle spalle di Bulai . Una insidiosa perdita di aderenza del posteriore all’uscita della Rio consiglia di terminare la gara senza ulteriori azzardi tesaurizzando la quarta posizione.
Anche il Rizzi , una volta capito che le curve si possono fare senza mettere i piedi a terra  nonostante l’asfalto bagnato , trova il feeling giusto e comincia ad abbassare i propri tempi sul giro. Si esibisce infatti  in un fantastico recupero passando agilmente piloti  del calibro di  Chiavazza, Martini e persino Pertile .
Grande esordio del bergamasco che se avesse preso fiducia già all’inizio avrebbe sicuramente fatto vedere ben altro.
Comunque grande esordio per i PilotidelDesmo nella ProTwins.

SuperBike:
Quest’anno le nostre speranze si ripongono nel valido Massimo Rizzi che dopo un paio di stagioni di astinenza dalle piste ha deciso di ritornare a sfregare gli  sliders.
Massimo dimostra fin dalle libere di venerdì di essere a proprio agio tra le curve del Santamonica per poi staccare un grande tempo nelle qualifiche del sabato. Con grande determinazione si porta in seconda fila dimostrando che il suo apprendistato per capire  il 1098R sarà veramente breve.
Bravo Massimo gran belle qualifiche !
La gara è anche in questo caso influenzata dalle condizioni meteo e in un pre-gara caratterizzato da grande incertezza meteo Massimo tenta l’azzardo  decidendo di montare una rain anteriore e una intagliata posteriore.
Già nel giro di formazione  si accorge che in traiettoria la pista è asciutta ma è tardi per rimediare e non resta altro che fare un gara in salita con gli avversari che lo passano agevolmente . Massimo innervosito  azzarda in ogni ingresso finchè non incappa in una scivolata senza conseguenze che però lo esclude dalla gara.
Sapore dolce-amaro per lui in questo week-end romagnolo, peccato davvero viste le premesse delle qualifiche.

SuperStock – 848:

In questa categoria abbiamo due rappresentanti: il fascinoso Giamma Ariosto e la sua fida 1098 in versione power-ranger e il buon Luca Giuffrida che si aggira sui tracciati alla ricerca di emozioni perdute con il divorzio dal suo ST  2V.
Giamma parte in maniera un po’ opaca  e in qualifica si colloca nella  terza fila della griglia.
Per Luca il discorso merita un preambolo: dopo una stagione poco soddisfacente nella ProTwins  fatta cercando una messa a punto della sua moto senza mai raggiungerla , ha deciso di mettersi alla prova con una 848. E’ quindi partito in modo prudente  ponendosi il solo obiettivo di prendere confidenza con il nuovo mezzo.
Per lui una buona gara sulla pista che non era del tutto asciutta. Luca si trova a suo agio e spunta un grandioso quarto posto di categoria.
Anche Giamma migliora sé stesso in gara  concludendo al non posto assoluto che coincide con quello di categoria.

I pilotideldesmo ringraziano
SBKorse
Ducati Bergamo
Bell
Gimoto

 

Per le foto cliccare qui.